Più cestini contro l’abbandono di DPI

Mentre il Comune di Borgosesia stabilisce un’ammenda di 300 euro per chi viene sorpreso ad abbandonare nell’ambiente guanti e mascherine anti Covid-19, anche la SESO, azienda partecipata del Comune che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti, interviene per sensibilizzare sul tema sia i cittadini che gli esercizi pubblici, con particolare riferimento alle aree private ad uso pubblico, di pertinenza dei supermercati.

«Noi come azienda abbiamo dato indicazioni al nostro personale di intensificare lo svuotamento dei cestini per la spazzatura sparsi in ogni angolo della città e prevediamo di implementarne il numero – dice l’Amministratore Unico, Marisa Varacalli – ma, sulla base delle segnalazioni dei cittadini che ho poi verificato personalmente, risulta che il problema di guanti e mascherine abbandonati è particolarmente evidente soprattutto nei parcheggi dei supermercati: intorno ad ogni cestino si creano veri e propri mucchi di dispositivi usati, che cadono a terra perché i contenitori sono troppo pieni».

Una situazione che per Varacalli ormai è divenuta inaccettabile, pericolosa oltre che indecorosa: «Lo spettacolo di tutti questi guanti e mascherine abbandonati a terra è disgustoso – aggiunge l’amministratrice – e con il maltempo diventa anche pericoloso per l’ambiente: guanti e mascherine vengono trascinati dal vento, gettati in ogni angolo, a deturpare aiuole e bordi delle strade, rovinando il nostro bell’ambiente naturale».

Una situazione che si potrebbe facilmente migliorare con un po’ di buona volontà: «Mi rivolgo ai responsabili dei supermercati – conclude Marisa Varacalli – chiedendo loro un gesto di responsabilità: aumentate il numero di cestini all’esterno dei supermercati, invitate i vostri clienti ad usarli, provvedete a svuotarli quando sono troppo pieni. E’ un atto che garantisce il decoro per gli spazi esterni dei vostri esercizi commerciali ed è un importante segno di rispetto per la nostra città, oltre che un gesto di civiltà».

Torna Indietro